“Scenari per il futuro dell’istruzione nell’UE” è lo studio previsionale commissionato dall’Europa e recentemente pubblicato dalla Commissione.

Il panorama dell’istruzione nell’Unione Europea è pronto a fare un salto nel futuro. Una capacità di visione che ISINNOVA, Visionary Analytics (Leader della ricerca), 4strat and AIT – Austrian Institute of Technology hanno meticolosamente delineato nello studio previsionale “Scenari per il futuro dell’istruzione scolastica nell’UE“, commissionato dalla Commissione europea, DG EAC. Questa importante ricerca, arricchita dalle intuizioni di oltre 80 esperti del settore, tra cui funzionari della Commissione Europea e stakeholder che fanno parte del settore dell’istruzione in tutta l’Unione Europea, delinea una serie di futuri possibili per i nostri sistemi di istruzione da oggi fino al 2040.

Identificare la forma dell’istruzione di domani

Il nostro viaggio inizia con una mappatura completa dell’attuale ecosistema educativo. Approfondendo l’intricata serie di fattori di cambiamento, dalle macro tendenze come l’accelerazione tecnologica fino all’impiego delle “wild card” come le grandi crisi ambientali, insieme ai nostri partner siamo riusciti a identificare i fattori chiave che potrebbero determinare il destino dell’istruzione europea.

Uno sguardo in un futuro possibile

Dei quattro scenari previsionali che abbiamo delineato, uno tra tutti spicca come un faro delle nostre aspirazioni collettive: il futuro “flessibile e collaborativo”. Accendendo il riflettore della mente sull’ipotetica giornata si Sofia, troviamo una studentessa felice in un ambiente che celebra l’adattabilità e l’apprendimento collaborativo. La sua giornata scolastica è caratterizzata dall’impiego di tecnologia innovativa e impegno pratico nel mondo reale, sostenuto da pratiche di insegnamento che sottolineano l’inclusione, la sostenibilità e la cittadinanza attiva.

Definire il percorso verso il futuro

Il percorso verso questo scenario previsionale prevede la serie di fattori che viene indicata di seguito.

  • Aumentare gli investimenti nell’istruzione. I finanziamenti per la trasformazione digitale ed ecologica delle istituzioni educative devono essere aumentati in modo significativo. Questo getterà le basi per avviare pratiche educative sostenibili che riflettano il nostro impegno per un pianeta più sano.
  • Garantire opportunità eque. L’inclusività è al centro di questo futuro immaginato. È necessario adottare politiche che garantiscano un accesso equo all’istruzione, per un sistema che abbracci il potenziale di ogni bambino, a prescindere dal contesto sociale o dalle capacità.
  • Adottare la digitalizzazione in modo responsabile. L’integrazione dell’intelligenza artificiale e delle tecnologie all’avanguardia nell’istruzione deve essere affrontata con equilibrio, garantendo il rispetto degli standard etici e della privacy e abbracciando l’innovazione.
  • Reinventare la pedagogia. I metodi pedagogici devono evolversi, ponendo l’accento sull’apprendimento personalizzato e misto per rispondere alle esigenze di ogni studente.
  • Porre al centro il ruolo degli educatori. È essenziale investire nello sviluppo professionale continuo degli insegnanti. Questo li doterà delle competenze necessarie per guidare gli studenti in un panorama di apprendimento più flessibile e collaborativo.

Unitevi nel nostro viaggio verso il 2040

Questo studio previsionale è più di un esercizio accademico: è un chiaro invito all’azione. ISINNOVA invita i responsabili politici, i professionisti dell’istruzione e tutte le parti interessate a leggere lo studio completo, che offre una tabella di marcia dettagliata per la realizzazione di questo scenario futuro. All’inizio di una nuova era educativa è indispensabile non solo immaginare, ma anche plasmare attivamente un futuro in cui ogni studente possa essere accolto e manifestare liberamente le proprie potenzialità. I nostri sforzi collettivi apriranno la strada a un domani più luminoso e inclusivo all’interno del sistema educativo dell’UE.

Scarica lo studio previsionale (in inglese)