Cosa influisce il consumo energetico delle persone e come possiamo garantire che la transizione verso l’energia a basse emissioni di carbonio sia guidata dai cittadini?

Queste sono state le domande al centro del transition practice workshop di ENABLE.EU, che si è svolto dal 29 al 30 novembre a Roma. Sessanta famiglie provenienti da tutta Europa sono venute al workshop per discutere le loro attuali pratiche energetiche e le loro idee per il futuro su prosumption, mobilità, riscaldamento e raffreddamento ed efficienza energetica. Hanno partecipato nei workshop per parlare delle loro pratiche correnti e di come immaginano le loro pratiche quotidiane nel futuro. I partecipanti hanno anche parlato delle loro aspettative dai decisori politici al fine di rendere la transizione energetica una realtà.

Leggi di più sul transition workshop

Sito web di ENABLE.EU

Maggiori informazioni su ENABLE.EU

La strategia quadro dell’unione energetica, presentata il 25 febbraio 2015, ha abbracciato una transizione energetica orientata ai cittadini basata su una trasformazione a basso tenore del carbonio del sistema energetico. Il successo del pilastro di transizione energetica nell’Unione dell’energia dipenderà dall’accettabilità sociale delle riforme necessarie e dall’impegno pubblico di concettualizzare, pianificare e attuare transizioni di energia a basse emissioni di carbonio. Il progetto ENABLE.EU punterà a definire le determinanti chiave delle scelte di energia individuale e collettiva in tre settori chiave di consumo – trasporto, riscaldamento e raffreddamento e energia elettrica – e nel passaggio al consumo (iniziative guidate dagli utenti della produzione e del commercio di energia decentrata ). Il progetto esaminerà anche le interrelazioni tra scelte energetiche individuali e collettive e il loro impatto sulle decisioni regolamentari, tecnologiche e di investimento. L’analisi sarà basata su indagini domestiche e aziendali nazionali in 11 paesi, nonché studi di casi comparativi basati sull’ambito della ricerca.

Questo progetto ha ricevuto un finanziamento dal programma di ricerca e innovazione Orizzonte 2020 dell’Unione europea con grant numero 727524.