Event invite

Usiamo meno elettricità se paghiamo immediatamente? In che modo le questioni di genere influenzano lo sviluppo dei PV solari? Capire in che modo i cittadini fanno scelte legate all’energia è la chiave per lo sviluppo di misure politiche efficienti che inneschino pratiche energetiche più sostenibili che consentano la transizione verso una bassa emissione di carbonio.

Il team ENABLE.EU terrà un workshop il 21 giugno a Parigi in francese e inglese con interpretazione simultanea. Unisciti a noi per un caffè a partire dalle 8:30 del mattino e discuti su come i cittadini possono e devono essere coinvolti nella transizione energetica.

Discuteremo i risultati della ricerca con vari soggetti interessati sui temi del prosuming (quando i consumatori producono energia), l’informazione dei consumatori e il ruolo che i contatori intelligenti possono svolgere nel migliorare il nostro consumo energetico. L’evento sarà presentato da Michel Derdevet, segretario generale del DSO francese Enedis, seguito da una nota chiave dell’ex commissario europeo per l’Energia, Andris Piebalgs, che preparerà la scena per la discussione con una cronologia del coinvolgimento dei cittadini in energia politica nell’UE.

L’evento si svolgerà quindi con due tavole rotonde, che inizieranno con la presentazione della ricerca di ENABLE.EU:

Karina Standal di CICERO parlerà di come le famiglie prendono la decisione di diventare prosumer e quale ruolo riveste il genere in questa decisione. Il ruolo dei cittadini nella transizione energetica sarà quindi discusso da Kathleen Gaffney dell’agenzia internazionale e Rémi Mayet della DG Energia della Commissione europea. Eugénie Bardin, del fornitore francese di energia rinnovabile Enercoop e David Dornbusch dell’azienda solare fotovoltaica Vertsun, si concentrerà sulla dimensione della produzione di energia e su come i cittadini possano essere potenziati in questo ruolo attivo emergente.

Nella seconda sessione, Madeline Werthschulte dell’Università di Münster presenterà il caso di studio ENABLE.EU sull’elettricità in Bulgaria, Germania, Serbia e Regno Unito. Il tema dei contatori intelligenti sarà affrontato in modo specifico in quanto vi è stato un ampio dibattito sulla tecnologia. Hervé Champenois del DSO Enedis rappresenterà il francese Linky mentre Liene Lauceniece-Ivaninoka porterà la prospettiva del lettone DSO Sadales Tikls. Le opinioni dei consumatori saranno evidenziate da Marine Cornelis di NextEnergyConsumer mentre Julien Gorintin della start-up Wivaly mostrerà come utilizzare i dati dei contatori intelligenti per aiutare i consumatori a capire il loro consumo.

La partecipazione del pubblico sarà fortemente valorizzata, e le discussioni continueranno durante un aperitivo e, per i curiosi, una visita alla mostra Enedis.

Maggiori informazioni

Maggiori informazioni su ENABLE.EU

La strategia quadro dell’unione energetica, presentata il 25 febbraio 2015, ha abbracciato una transizione energetica orientata ai cittadini basata su una trasformazione a basso tenore del carbonio del sistema energetico. Il successo del pilastro di transizione energetica nell’Unione dell’energia dipenderà dall’accettabilità sociale delle riforme necessarie e dall’impegno pubblico di concettualizzare, pianificare e attuare transizioni di energia a basse emissioni di carbonio. Il progetto ENABLE.EU punterà a definire le determinanti chiave delle scelte di energia individuale e collettiva in tre settori chiave di consumo – trasporto, riscaldamento e raffreddamento e energia elettrica – e nel passaggio al consumo (iniziative guidate dagli utenti della produzione e del commercio di energia decentrata ). Il progetto esaminerà anche le interrelazioni tra scelte energetiche individuali e collettive e il loro impatto sulle decisioni regolamentari, tecnologiche e di investimento. L’analisi sarà basata su indagini domestiche e aziendali nazionali in 11 paesi, nonché studi di casi comparativi basati sull’ambito della ricerca.

Questo progetto ha ricevuto un finanziamento dal programma di ricerca e innovazione Orizzonte 2020 dell’Unione europea con grant numero 727524.