Re:thinking Europe book cover

Andrea Ricci e Matthias Weber hanno appena pubblicato un nuovo articolo, “Oltre l’orizzonte: foresight al servizio della futura politica dell’Unione Europea di ricerca ed innovazione”, che ragiona sul futuro dell’Europa nella scienza, innovazione e digitazzione, nel libro (Ri)pensare Europa: Posizioni sulla formazione di un’idea (edito dall’Austrian Council for Research and Technology Development).

L’articolo si interroga su come i programmi quadro di ricerca ed innovazione in Europa, e la politica di R&I in generale, possono contribuire a migliorare la qualità di vita degli europei. Mentre l’innovazione è stata lungo percepita come un valore intrinsecamente positivo,  si è ora affermato l’idea che la ricerca e l’innovazione devono innanzitutto rispondere ai bisogni sociali e politici. Il raggiungimento di questo obiettivo, tuttavia, è fortemente condizionato dalla la volatilità socioeconomica, geopolitica e tecnologica e dalla diffusa incertezza sul futuro ingenerale e  sul ruolo di R&I in particolare. L’articolo illustra come è possibile affrontare queste problematiche prendendo in considerazione diversi possibili scenari futuri così da facilitare l’individuazione delle opportunità e l’assegnazione delle priorità.

Gli autori propongono sette coppie di scenari di contesto, che prefigurano le possibili implicazioni di un futuro basato sulla “perseveranza” (detto anche “business as usual”) e, per contrasto di un approccio connotato dal “cambiamento” (muoversi verso “il futuro che vogliamo”) per il cambiamento climatico, l’urbanizzazione, la salute, la sicurezza, e le altre sfide sociali che oggi dobbiamo affrontare. Quattro transizioni che darebbero la priorità alla qualità di vita e proteggerebbero la sopravvivenza della specie, ma che significherebbero anche trasformazioni organizzative, instituzionali, sociali e politiche importanti, sono proposte, come modi per affrontare al meglio queste sfide e puntare a risultati più ambiziosi.

Compra il libro

Maggiori informazioni su Andrea Ricci

Il lavoro di ISINNOVA sugli scenari, governance e foresight

Leggi di più sullo studio BOHEMIA, che ha usato il foresight per proporre priorità per la politica di R&I